Maglia in seta blu (uncinetto n. 2,5)

Posted on ottobre 18, 2014

1


maglia-crochet_seta

 maglia-crochet_seta-1Dopo aver assemblato un po’ di piastrelline crochet a formare due rettangoli (dal post precedente), con un mix di rifiniture a mo’ di merletto tutto intorno cresce la maglia di seta senza maniche. Ecco la ricetta.

Anche questo modello è una variante della maglia crochet lilla (davanti e dietro sono ottenuti cucendo insieme delle piastrelle quadrate, poi lo scollo e le spalle sono lavorate a rete riprendendo i punti della base). Uno dei vantaggi di questi modelli fatti a moduli è che entro un certo limite si possono vedere le misure via via che si procede con la maglia.

Occorrente: ca 400 gr di filato Seta Silke, in parte lavorato ad ottenere 60 piastrelline come quelle del post Variazioni su 4 petali; a me con 2 gomitoli di Seta Silke vengono ca 25 piastrelline; uncinetto n. 2,5. (Dato il lavoro “che c’è dietro”, come si dice, sono felice di aver scelto un filato prezioso come la seta…)

(In breve, per una piastrellina: inizio con un anello di 8 catenelle; 1° giro= *5 maglie basse nell’anello di base + 12 catenelle* per 4 volte (inizio con una catenella per una maglia bassa e chiudo il giro con una maglia bassissima); 2° giro= con un paio di maglie bassissime mi sposto nella 3° delle prime 5 maglie basse di base, poi lavoro *1 maglia bassa in mezzo alle 5 maglie basse di base (cioè nella terza maglia bassa, che chiamo MB), e poi 9 maglie alte + 1 catenella + 9 maglie alte nell’anello di 12 catenelle del giro predente* per 4 volte (inizio con una catenella per una maglia bassa e nella stessa chiudo poi il giro con una maglia bassissima); 3° giro= * una tripletta di maglie altissime separate da 2 catenelle (cioè 1 maglia altissima + 2 catenelle + 1 maglia altissima + 2 catenelle +1 maglia altissima) nella MB del giro precedente, poi 5 catenelle, poi punto l’uncinetto alla sommità del petalo seguente (nell’archetto di una catenella) e lavoro 1 maglia alta + 2 catenelle + 1 maglia alta, poi con 5 catenelle mi porto alla MB seguente*, per 4 volte (inizio con 5 catenelle per una maglia altissima e chiudo il giro con una maglia bassissima nella 5° di queste catenelle). 4° giro= *nell’archetto formato dalle prime 2 maglie altissime di base, lavoro 3 maglie alte + 2 catenelle, poi 3 maglie alte nell’archetto contiguo; poi con 5 catenelle mi porto nell’archetto di vertice del petalo seguente e vi lavoro 3 maglie alte + 3 catenelle + 3 maglie alte, poi ancora con 5 catenelle mi porto nella seguente tripletta di maglie altissime*, per 4 volte (inizio con 3 catenelle per una maglia alta e chiudo il giro con una maglia bassissima nella 3° di queste catenelle).

Le maglie “legate” con un segno “+” vengono eseguite nella stessa maglia (o archetto) di base. Gli asterischi indicano il modulo da ripetere più volte. Una maglia altissima = una maglia alta tripla.

maglia-crochet_seta.3

a) Misura di partenza: larghezza di davanti  e dietro

tg: S . Calcolare o variare le misure è semplice, basta fare una piastrella, misurarla ed in proporzione ricalcolare il n° di quadrati necessari per la propria taglia; se la misura necessaria non coincide con un n° perfetto di piastrelle, o se alla fine mi accorgo che il lavoro è stretto, basta riempire il vuoto con qualche giro di crochet sui lati del davanti e del dietro, come in questo caso. A grandi linee vedo anche la lunghezza del capo, che successivamente posso comunque ridurre togliendo una fila di piastrelle (meglio se prima di cucirle) o aumentare a piacimento con una nuova fila o con un bordo decorativo.

Davanti e dietro

Per il davanti cucio 30 piastrelle (6 file di 5 piastrelle) a formare un rettangolo; poi faccio lo stesso per il dietro. Controllo le misure e vedo che devo allargare i pezzi con delle strisce laterali lavorate in orizzontale.

Fianchi

Raccolgo le maglie sui lati verticali: lavoro un semplice punto a rete, alternando una maglia alta ad 1 catenella, per il numero di righe necessario per arrivare alla larghezza desiderata (per una taglia S, ca 2 cm su entrambi i lati di davanti e dietro; per una taglia più grande posso anche aggiungere un’altra colonna di piastrelle ai lati).

Inizio da uno dei lati del davanti, poi ripeto sugli altri lati (davanti e dietro).

1° giro_ Considerando che il bordo verticale è dato dai lati delle piastrelle cuciti uno dopo l’altro, raccolgo le maglie così: inizio con 4 catenelle (= una maglia alta + catenella) nella prima maglia d’angolo della prima piastrella; poi una maglia alta + catenella nel centro delle triplette di maglie alte della piastrella; due volte una maglia alta + catenella negli archetti di 5 catenelle della piastrella; una maglia alta + catenella negli archetti di 2 catenelle; una maglia alta + catenella in ogni archetto d’angolo delle piastrelle. Chiudo con una maglia alta nell’ultima maglia d’angolo dell’ultima piastrella.

2° giro_ 3 catenelle per voltare, una maglia alta + 1 catenella nel primo archetto di base, proseguo con una maglia alta + una catenella in ogni archetto di base (ad eccezione dei 2 o 3 archetti a cavallo di ogni piastrella, in cui lavoro una maglia alta senza catenelle, per stringere un po’ il tutto). Termino con 1 maglia alta nella terza delle 4 catenelle iniziali.

3°_ come il 2°, ma a cavallo delle piastrelle salto due maglie alte del giro precedente; lavoro sempre la catenella tra le maglie alte, tranne l’ultima. Chiudo con una maglia alta nell’ultimo archetto.

4°_ 5°_ come il 3°,  ma senza saltare nessun archetto.

(nb: naturalmente via via che lavoro controllo che il tutto proceda bene, non troppo largo o stretto, e se è il caso aumento o calo).

b) Misure: larghezza e altezza scollo (larghezza spalline)

Scollo e spalline a punto rete

Fatto questo, passo allo scollo, che inizia subito sopra la mia base di piastrelle crochet; per sapere quanti giri fare, prendo le mie misure (anche in base a quanto deve essere profondo e largo lo scollo), e in proporzione calcolo il numero di giri necessario.

Come primo giro, riprendo le maglie del lato superiore del davanti come per il fianco, però lavoro anche negli archetti superiori del bordo laterale aggiunto (inizio nella maglia d’angolo esterno del bordino, lavoro 3 catenelle, salto il primo archetto di base e procedo con una maglia alta + catenella in ogni archetto del fianco).

maglia-crochet_seta.4

Fatto questo primo giro, inizio la lavorazione separata a destra (e poi a sinistra) e lavoro avanti ed indietro in corrispondenza (di un po’ meno) delle prime (e ultime) due piastrelle (quindi “salto” le maglie centrali, circa la metà della larghezza totale della scollatura); poi in base alle mie misure vedo quanti spazi maglia alta+catenella devo calare e distribuisco le diminuzioni sullo scollo (calo di più nei primi giri, per es due spazi ogni riga e poi ogni due righe per un paio di volte; riduco e dirado le diminuzioni salendo con lo scollo, per es, un quadretto ogni due o tre righe).

maglia-crochet_seta.7

Contemporaneamente calo appena appena (uno o due spazi su tre o quattro righe) anche dalla parte della spalla.

Arrivata a fine scollo, continuo in modo simile sul dietro (ovviamente aumento invece di calare), lasciando però lo scollo meno profondo. Terminati gli aumenti del collo dietro, per chiudere la scollatura proseguo unendo le due parti (avvio a nuovo sul dietro le catenelle centrali corrispondenti alle maglie “saltate” sul davanti) e poi lavoro su tutta la larghezza del dietro; arrivata ad un numero totale di righe dello scollo dietro pari al davanti, nell’ultimo giro “attacco” le maglie alla base di piastrelle.

c) Misure: altezza scalfo (aggiusto larghezza spallina, larghezza scollo, lunghezza maglia)

Rifiniture: sono semplicissime e sottili; ed eventualmente in questa fase posso ancora correggere qualche misura. E’ probabile che lo scalfo (che dipende dalla mia misura) sia un po’ più profondo dello scollo a rete, e quindi proseguirà anche nel fianco (che non dovrà essere cucito fino in cima).

maglia-crochet_seta.5

Decido di fare le rifiniture della spallina solo sulle maglie del bordo laterale dello sprone, e lavoro un giro come sullo scollo, ma “abbasso la lavorazione” a inizio e fine riga con due o tre mezze maglie alte e un paio di maglie basse invece di maglie alte, per non formare un “gradino”. Inoltre sulla sommità della spalla per due o tre volte  non lavoro le catenelle intermedie, per fare piegare un po’ il bordino dando un po’ di forma alla spallina. Se vedo che ho bisogno di allargare un po’ la spalla faccio ancora dei giri (in questo caso però proseguo su tutto lo scalfo), e poi chiudo con un giro ad archetti di catenelle o pippiolini. Adesso cucio dal rovescio i lati della maglia, lasciando libero lo spazio per lo scalfo manica e qualche centimetro a piacere per gli spacchetti del fondo.

Lungo lo scollo faccio solo un giro di archetti di 4 catenelle, puntandoli a distanza più o meno regolare (vado a occhio); però se vedo che la maglia è troppo scollata, prima stringo lo scollo con qualche giro a rete, calando ogni tanto.

maglia-crochet_seta.6

Sul fondo lavoro un giro alternando due archetti e un pippiolino (anche sugli spacchetti laterali). Se vedo che la maglia è corta, posso lavorare sul fondo un alto bordo come per lo scollo, e poi il giro di chiusura.

Fisso tutti i fili (tanti🙂 ) sospesi, e ho finito.

Ps: questa volta ho attaccato le piastrelle tutte insieme, il che è un lavoraccio, cucendole con fili “nuovi”, perché volevo vedere l’effetto d’insieme complessivo. Però potrei anche attaccare le piastrelle via via che le finisco,  magari usando direttamente il filo di chiusura per cucire (devo lasciarlo un po’ lungo, ovviamente). In questo modo alleggerisco il lavoro e “risparmio tempo” con un po’ meno fili da fissare (io non l’ho fatto perché temevo di non avere abbastanza filo).