Borsina rafia bianco/oro (uncinetto n.5)

Posted on maggio 9, 2014

2


borsina-rafia-uncinetto_bianco-oro_4

borsina-rafia-uncinetto_bianco-oro_5 borsina-rafia-uncinetto_bianco-oro_2

Nella mia “scatola dei tesori” c’era una  piccola fibbia dorata e luccicante, quindi ecco una variante dell’ultima borsina crochet fatta con tre gomitoli di rafia e con la chiusura gioiello “ad uso bottone”.

Occorrente: 3 gomitoli di rafia gptex da 25 gr (2 colore bianco e 1 colore oro), uncinetto n.5 , eventuale rinforzo per il fondo (che non è necessario perché la borsina è molto piccola), un bottone o fibbia gioiello, eventuale catenella per il manico tracolla ed un pezzetto di fodera (non si vedono in foto perché la borsina non è ancora finita🙂 e non ancora foderata).

Procedo come per la borsina liquirizia (post 3 maggio 2014) usando la rafia oro al posto di quella argento e la rafia bianca al posto della nera; cambia solo la forma della pattina, in questo caso più semplice, sempre a trapezio ma senza la “prolunga” con occhiello.

Pattina:

una volta terminato l’ultimo giro dorato come profilo superiore tutto intorno alla borsina, procedo avanti e indietro a maglia bassa per una ventina di giri (19, per la precisione) solo sulla metà dietro della borsina, a formare la pattina a forma di trapezio. Per dare il taglio obliquo ai lati, per ogni giro lavoro all’inizio una sola catenella per voltare invece di due, e a fine riga una maglia bassissima invece di una bassa. Terminata la pattina, la profilo con un giro a maglia bassissima (ovviamente sulla parte della pattina rivolta verso l’esterno), lavorando (più o meno) una maglia bassissima per ogni riga (sui due lati obliqui) e per ogni maglia di base (sul lato rettilineo).

“Finta” chiusura con fibbia e cinturino:

per la chiusura uso una piccola fibbia, più o meno rotonda, con delle sporgenze che aiutano poi a tenere la borsina chiusa; la fisso alla borsa con un “cinturino” di rafia però la uso come bottone con l’asola.

 Dettaglio della fibbia fissata al cinturino di rafia

Con la rafia bianca e l’uncinetto n. 5 lavoro un nastro a maglia bassa; verrebbe probabilmente più preciso lavorandolo dal basso verso l’alto, quindi sul lato corto, ma dato che non ho voglia di continuare a girarlo procedo la lavorazione sul lato lungo, quindi avvio 15/16 catenelle e lavoro un paio di righe a maglia bassa; poi profilo il nastro con un giro a maglia bassissima, e in quest’ultimo giro “inglobo” la mia fibbia su uno dei lati corti del cinturino lavorando alcune maglie basse intorno alla barretta centrale della fibbia (in alternativa la posso cucire). Fisso l’altro lato corto del cinturino su retro della borsa, in modo che la fibbia “cada” sul davanti più o meno a metà della pattina.

Il cinturino con fibbia, cucito sul retro della borsina

Uso la fibbia come un bottone, perché il cinturino di rafia è troppo spesso e non riuscirei a farlo passare doppio attraverso la mia fibbia; quindi lavoro un’asola fatta solo con una fila di catenelle (nel mio caso 25 catenelle, comunque un numero sufficiente per arrivare alla fibbia), che fisso con 2 o 3 maglie basse sul fondo davanti della borsina, a metà larghezza, in linea con il cinturino e la fibbia.

Il davanti della borsina chiuso con la fibbia e con l'occhiello fissato sul fondo e la fibbia.

Ora manca la fodera e l’eventuale catenella per la tracolla, e la borsina è finita.